Categorie
########

Immuni deficienza

Ho discusso recentemente con alcuni amici sostenendo che tutto sommato sia l’applicazione Immuni sia il vaccino, sono entrambi dei dispositivi di sicurezza e quindi mi sembra verosimile che chi intende vaccinarsi probabilmente ha scaricato l’app. Loro mi hanno risposto che le due cose sono assolutamente diverse e che faranno sicuramente il vaccino ma non hanno scaricato Immuni perché non è abbastanza chiaro e trasparente il funzionamento. A me continua a sembrare una contraddizione perché sia il vaccino che immuni hanno come scopo la famosa immunità di gregge. In ogni caso al momento Immuni è quasi inutile perché con i 4 milioni circa di downloads realizzati ( di cui non si conosce il numero di quanti l’abbiano poi disinstallata). potrebbe intercettare a quanto ho capito, meno del 10% dei contatti a rischio. Personalmente non ho installato immuni e non farò il vaccino ( salvo imposizioni ) come il 41% del resto della popolazione italiana (almeno secondo una ricerca dell’università Cattolica). L’Università ritiene sia urgente una campagna contro le fake news che sarebbero la causa di una percentuale cosi alta di persone che non si immunizzeranno. Io invece credo che i numeri siano molto ottimistici secondo me sarà il 40% a vaccinarsi e il 60% a non farlo e questo non perché ci sono le fake news ma perché le istituzioni, le organizzazioni mondiali, la “comunità scientifica” e gli zanzarologi si sono contraddetti più e più volte e nonostante i dati in europa siano confortanti cercano di rappresentare una gravità della situazione ormai non più accettabile da molti. Se ancora si vuole prorogare lo stato di emergenza nonostante la mancanza totale di motivazioni poi la gente comincia a pensare male ( e perde fiducia anche sulla necessità ed utilità del vaccino ) ma ciò non dipende dal fatto che la generosità di Bill Gates che vuole salvare l’umanità è sospetta come scrivono spesso i miei colleghi fakenewsisti ( o taggati tali ) come ipotizza la Cattolica. Se fosse come pensa Cattolica, i siti di fact checking stanno facendo un pessimo lavoro perché pur essendo i sapienti detentori della verità assoluta non riescono a sopraffare 20 cazzari o presunti tali che ingiustamente si permettono di pensare e per giunta di divulgare la propria opinione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *