Categorie
########

Repubblica emergenziale fondata sui bonus

Siamo, nella fase 3 e mezzo di una pandemia che ha costretto i governi a ridurre la libertà degli individui. Ora che le cose finalmente sembrano andare meglio si cominciano a conteggiare le conseguenze delle scelte del governo che probabilmente ha salvato qualche vita me che certamente ne ha inguaiate parecchie. Ovviamente come al solito le fasce più deboli sono quelle che hanno perduto di più e quindi si è pensato prontamente ad aiutare le famiglie più in difficoltà con dei bonus senza limiti di reddito come il bonus Babysitter o l’irrinunciabile bonus biciclette che ha svuotato i Decathlon nostrani anche se di fatto ancora non esiste una piattaforma dove richiederlo. Sul bonus vacanze accettato da ben l’8% delle strutture ricettive almeno si è controllato l’isee mentre per il famigerato bonus ristrutturazioni staremo a vedere anche se ad occhio sembrerebbe si voglia aiutare maggiormente chi ha 2 o più immobili. Mentre è stato stipulato un bel contratto con AstraZeneca per l’acquisto di 400 milioni di dosi di un vaccino che non esiste ad una cifra non irrisoria ma soprattutto a pandemia quasi archiviata i cassaintegrati incrociano le dita sperando che prima di soccombere alla fame arrivi un piccolo bonifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *